Media room

Questo è il comunicato selezionato.
Per tornare all'elenco dei comunicati clicca qui.

A Tecnargilla 2018 la ceramica del futuro sale in cattedra

Comunicato n. 14 del 27/09/2018 15.12.33 ( download )

La ceramica è 4.0, grande, digitale, sostenibile e va verso un modello di economia circolare. Grande successo per il X Meeting Annuale Acimac e per il convegno sull´economia circolare dedicato all´industria ceramica

.Grande interesse e partecipazione da parte degli operatori professionali della ceramica per i due convegni tecnici organizzati a Tecnargilla.
Nella mattinata del 25 settembre il X Meeting Annuale Acimac, il tradizionale appuntamento convegnistico organizzato in collaborazione con la rivista Ceramic World Review e Tecnargilla ha confermato la sua formula di successo con la presenza di oltre 300 professionisti internazionali interessati ad approfondire i più recenti sviluppi in tema di materiali e tecnologie per la produzione della ´ceramica del futuro´, una rivoluzione praticamente già delineata.
La varietà e la completezza delle tematiche affrontate dalle più importanti aziende del settore ha consentito di fare luce sui concetti verso i quali si sta indirizzando in modo deciso la produzione di superfici ceramiche: flessibilità estrema, materiali innovativi, formati sempre più grandi realizzati con sistemi Full Digital, tecnologie 4.0 e massima sostenibilità.
Moderato da Paolo Zannini, professore dell´Università di Modena e Reggio, il convegno si è aperto con i saluti di Patrizia Cecchi, Italian Exhibition Director di IEG-Italian Exhibition Director, e Paolo Sassi, presidente di Acimac, a cui sono seguite le relazioni di BMR, Colorobbia, Durst, Esmalglass-Itaca, LB, Sacmi, System e Torrecid.
Ii 26 settembre, presso la Sala Diotallevi, è stato toccato un altro tema di grande attualità in un convegno dal titolo ´L´industria ceramica verso un modello di economia Circolare´, organizzato da Società Ceramica Italiana in collaborazione con Acimac e Tecnargilla.
L´evento ha toccato i punti salienti di un modello che presuppone la trasformazione radicale dello schema produttivo classico verso logiche virtuose: prodotti e processi poco impattanti, equi e ad alto valore sociale e territoriale. L´industria ceramica ha già dimostrato la sua sensibilità verso queste tematiche attraverso soluzioni all´avanguardia che consentono il riciclo degli scarti, il risparmio idrico ed energetico, con rilevanti vantaggi competitivi, ambientali ed economici. La trasformazione digitale del sistema produttivo e le tecnologie abilitanti identificate da Industria 4.0, inoltre, rendono anch´esse le produzioni più efficienti e sostenibili in un´ottica di circolarità.
Ad alternarsi al microfono sono stati Luisa Barbieri (Università di Modena e Reggio Emilia); Michele Dondi (CNR-ISTEC e presidente ICerS); Davide Settembre Blundo (Gresmalt) e Fernando E. Garcìa-Muiña (Università Rey Juan Carlos, Madrid); Andrea Conti (Confindustria Ceramica); Barbara Mazzanti (Centro Ceramico); Luca Zanchi (FEDABO), Andrea Morfino e Mirca Di Domenico (Thinkstep).

Tecnargilla è la più importante fiera al mondo per la fornitura all´industria ceramica e del laterizio. Organizzata da Acimac (Associazione Costruttori Macchine Attrezzature per la Ceramica) e IEG-Italian Exhibition Group - società nata dall´integrazione tra Rimini Fiera e Fiera di Vicenza -, la manifestazione propone, ogni due anni, il meglio dell´innovazione estetica e di processo per il settore, ospitando in fiera tutte le maggiori aziende e attirando a Rimini un elevato numero di buyer internazionali. Tecnargilla è infatti stata anche nell´edizione 2016, la fiera più visitata dagli operatori internazionali: 16.764 (+6,3 sul 2014) buyer stranieri su un totale di 33.395 visitatori (+4% sul 2014). Tecnargilla 2016 ha ospitato 500 espositori (di cui il 40% provenienti da circa 25 nazioni) su un´area di circa 80.000 mq (+7% sull´edizione 2014) suddivisa in quattro sezioni espositive: Tecnargilla, dedicata alle tecnologie per piastrelle, sanitari e stoviglieria; Kromatech, la vetrina del colore e della creatività in ceramica; Claytech, la sezione dedicata alla tecnologie per il laterizio; T-White, area espositiva dedicata alla produzione di macchinari e impianti per la produzione di sanitari e stoviglieria in ceramica. L´edizione 2018 ospiterà due nuove sezioni, Greentech e T-Finishing, dedicate rispettivamente alle tecnologie e ai prodotti ´green´ e alle tecnologie di finitura.